Lo sfondellamento dei solai

//Lo sfondellamento dei solai

Lo sfondellamento dei solai

Lo sfondellamento è il problema più diffuso nei solai in laterocemento. Parliamo di un distacco e della successiva caduta della parte inferiore delle pignatte nei solai. Il termine include anche distacco di intonaco, di strutture continue in arelle o rete intonacata applicate ai solai.

Non si tratta di un problema strutturale, ma può diventare un pericolo per la sicurezza di ambienti e persone, in quanto il carico che si stacca dal solaio può raggiungere un peso di 45-50 Kg/mq e generare situazioni imprevedibili.

Lo sfondellamento non è mai legato ad un’unica criticità, ma cresce e si evolve nel tempo in conseguenza a diversi fattori che influenzano il comportamento delle pignatte fino a causarne la rottura. Le cause potrebbero essere riscontrate nella scarsa qualità dei materiali, in errori di progettazione o di posa in opera, nella vetustà degli edifici, in una manutenzione non adeguata e in eventi che, seppur, eccezionali, possono succedere ed essere imprevedibili.

In alcuni casi lo sfondellamento è preceduto da fessurazioni, incrinature e avvallamenti, ma generalmente questi segnali non sono univoci e si manifestano solo in una fase avanzata dello sfondellamento. Durante l’evoluzione del fenomeno non ci sono infatti segnali visibili ad occhio nudo, ma grazie alla diagnostica, è possibile riconoscere il fenomeno prima che diventi pericoloso e prevenire così ogni possibile crollo.

Come intervenire?

Innanzitutto studiando il solaio, analizzando le anomalie e valutando i rischi per individuare tutte le porzioni di solaio soggette a sfondellamento e distacchi di intonaco. Il tutto attraverso diverse analisi non distruttive, utilizzate per ottenere le informazioni necessarie ad una corretta diagnosi che escluda ogni possibilità di errore e non sottovaluti alcun aspetto del fenomeno. È il caso di analisi termografiche (che identifica la tipologia di solaio e rileva rapidamente zone ammalorate o difettate), costruttive (che valuta la messa in opera e la qualità di travetti, armature, pignatte e intonaco), soniche manuali e strumentali (che localizzano il rischio di sfondellamento e individuano lo stato evolutivo dello stesso).

Così facendo, si avrà un ottimo punto di partenza per la programmazione di un’eventuale manutenzione ordinaria o straordinaria.

By | 2019-06-04T15:25:18+00:00 04 / 06 / 2019|Blog|