Difformità edilizia nella tua casa dei sogni? Scopri come risolverla

//Difformità edilizia nella tua casa dei sogni? Scopri come risolverla

Difformità edilizia nella tua casa dei sogni? Scopri come risolverla

Emozionato per l’acquisto di una nuova casa e poi arriva, a tua insaputa, la brutta notizia di difformità edilizia? In questo articolo scoprirai quali sono le irregolarità frequenti e come risolverle.

 

 

L’acquisto di una casa è tra i momenti più significativi della vita di ogni persona, rappresenta un cambio di vita, di abitudini e, spesso, presi dalla foga e dal desiderio dell’acquisto, dopo la compravendita c’è l’amara scoperta che quello stabile presenta delle difformità edilizie. Per non andare incontro al rogito, ovvero l’annullamento dell’atto di compravendita, è necessario mettere in stand by la dura scoperta e risolvere gli inconvenienti. Come? Scopriamo insieme gli elementi da non trascurare prima dell’acquisto di una casa e le soluzioni per dormire sogni tranquilli.

L’attestato di prestazione energetica: l’evergreen dell’irregolarità edilizia

Quando parliamo di difformità edilizia, che sia prima o dopo un acquisto, uno dei casi più diffusi è la mancanza dell’Attestato di Prestazione Energetica (A.P.E.), un documento obbligatorio per la validità dell’atto di compravendita. Nel caso in cui non è presente, può essere redatto da un professionista in pochi giorni, a patto che la caldaia, se presente, sia in regola con l’ultima revisione. L’attestato è a carico del venditore ed è fondamentale per avere informazioni sui consumi energetici della casa e sui dati per l’efficientamento dell’abitazione (indicazioni che, di solito, devono essere visibili sugli annunci immobiliari).

 

La casa è in regola con il catasto?

Un altro controllo che richiede molta pazienza è quello delle planimetrie catastali. Se le planimetrie non sono aggiornate all’ultima pratica edilizia in Comune e, se mancano delle modifiche, basta rivolgersi ad un tecnico della variazione catastale, che interverrà in tempi brevi solo se la casa ha già le regolarità in Comune.

Segnalazione certificata di agibilità per scongiurare la difformità edilizia

Tra le carte immancabili per la compravendita di una casa c’è il certificato di abitabilità. Questo documento attesta che la casa è un ambiente salubre e con caratteristiche igieniche adatte per abitarci. In mancanza di questo documento, un professionista potrà stilare la certificazione rapidamente, solo in presenza delle certificazioni degli impianti, del collaudo strutturale, delle planimetrie catastali e delle indicazioni di fine lavori. Un’informazione che non tutte le agenzie immobiliari danno è che le abitazioni costruite prima del 1 settembre 1967 devono avere la Certificazione di Abitabilità, anche se non c’è obbligo di citarne gli estremi nell’atto che in mancanza resta annullabile, con tutte le conseguenze a carico del venditore.

 

Piccole opere interne non regolarizzate

La demolizione di pareti o la costruzione di un secondo bagno, possono rappresentare un ostacolo alla conformità urbanistica (la corrispondenza tra lo stato di fatto dell’immobile con il progetto e le successive variazioni depositata al Comune da un tecnico abilitato). Ebbene, se la casa presenta piccole difformità, conformi ai regolamenti attuali e a quelli in vigore all’epoca di realizzazione, è possibile ottenere facilmente la Conformità Edilizia in Sanatoria dal Comune. Ci vorranno alcuni mesi per il rilascio di questa certificazione ed è necessario il pagamento di sanzioni in relazione alla tipologia delle difformità e alla presenza di eventuali vincoli. 

 

Condono non concluso tra i più ricorrenti della difformità edilizia

Ultimo fattore da valutare è l’abusivismo edilizio. I motivi di questa irregolarità possono essere molteplici: dalla presentazione della pratica di Condono Edilizio in tempi lontani, fino al mancato rilascio del Comune della Concessione Edilizia in Sanatoria per l’assenza di integrazioni. In questo caso, un tecnico specializzato potrà aiutarvi a fare chiarezza sui tempi e sull’importo degli oneri di urbanizzazione ancora da corrispondere.

 

Prima della compravendita di una casa, dunque, sii prudente e chiedi l’esibizione della documentazione di conformità dello stabile. Se ti senti spaesato e non sai a chi rivolgerti, il team di Buggea costruzioni, da oltre trent’anni nel settore dell’edilizia saprà guidarti nel tuo percorso. Dalla verifica delle pratiche, ai lavori di rifacimento, fino a quelli di manutenzione della tua nuova casa, un nostro tecnico specializzato sarà al tuo fianco per aiutarti in ogni singola fase. 

 

By | 2021-02-23T10:42:00+00:00 23 / 02 / 2021|Senza categoria|