Sei in regola con il catasto? Scopri i passi per una visura catastale a norma

//Sei in regola con il catasto? Scopri i passi per una visura catastale a norma

Sei in regola con il catasto? Scopri i passi per una visura catastale a norma

Se hai in mente di fare dei lavori in casa, prima di procedere ti spieghiamo come accertati di essere in regola con il catasto e quali lavori necessitano della presentazione della pratica catastale.

 

Il tuo sogno è quello di realizzare dei nuovi lavori in casa, come montare una veranda o recuperare il sottotetto? Alt! Prima di dare il via a questi e ad altri lavori, ti dovrai accertare che tutto sia in regola con il catasto, l’archivio di tutte le proprietà immobiliari presenti nel tuo Comune. Vediamo insieme come capire di essere in regola e per quali lavori è necessaria la visura catastale.

 

Quando una casa è in regola con il catasto?

Per valutare se la tua casa è in regola con il catasto, quello che devi fare è parlare con il tuo notaio di fiducia, dare uno sguardo alle planimetrie catastali e alla descrizione dell’unità immobiliare che si trovano nella banca dati dell’Agenzia del Territorio e verificare che corrispondono alla realtà e con quanto registrato nel tuo Comune. Questo passaggio è indispensabile, perchè in caso di irregolarità potreste andare incontro a multe salate, oltre a non poter mettere la vostra casa in vendita.

Gli step per essere in regola

Per essere in regola con il catasto ci sono degli step che devono essere verificati per stare sereni prima di apportare modifiche alla vostra casa o decidere di vendere un immobile. Tra gli step principali per capire se è tutto in regola ci sono:

 

  1. la verifica i dati catastali nei documenti che forniscono ubicazione di un immobile; sono quei dati della ditta catastale o i dati anagrafici degli intestatari, la quota e la natura del diritto reale assegnata dagli uffici del Catasto e i dati catastali identificativi dell’immobile. 
  2.  l’aggiornamento dei dati catastali, va fatto dopo aver eseguito dei lavori di ristrutturazione o di manutenzione straordinaria, mentre non è necessario per le modifiche interne che non alterano la destinazione d’uso e i valori catastali.
  3.  il controllo della rendita catastale, è il valore necessario per il calcolo dell’IMU e TASI, dell’imposta di successione e delle imposte per il trasferimento di diritti reali (compravendita, donazione).
  4. l’aggiornamento della planimetria catastale, prima di un atto di compravendita dovrete verificare la corrispondenza tra la planimetria catastale e lo stato di fatto.
  5.  il controllo della conformità catastale, in caso di non conformità questa è sanabile con l’aggiornamento della planimetria, mentre per quella urbanistica dovrete fare riferimento alle normative comunali.
  6.  la verifica della superficie, che trovate espressa in metri quadri. Questo dato viene rilevato dal Catasto attraverso la planimetria catastale, se disponibile e se depositata in Catasto. Questo dato è utile per il calcolo della Tari.
  7.  l’aggiornamento intestatario della ditta catastale a seguito di un atto pubblico (compravendita di un  immobile,  decreto di trasferimento, dichiarazione di successione, ecc…) è necessario procedere con l’aggiornamento della ditta catastale intestataria dell’immobile, compito che spetta al notaio.
  8. la correzione degli errori catastali, come nome e cognome dell’intestatario, data di nascita, indirizzo dell’immobile, numero civico. Il servizio di rettifica errori catastali consente di inoltrare un’istanza direttamente on line, attraverso la compilazione di un form.

 

I lavori che necessitano della presentazione della pratica catastale

Una volta che vi siete assicurati di essere in regola con il catasto potete iniziare a valutare i lavori per la vostra casa, ricordando che quelli che richiedono la presentazione della pratica catastale sono: le nuove costruzioni, la demolizione di edifici esistenti ed il miglioramento di impianti o finiture che comportano un aumento della rendita catastale. Tra questi ci sono:

  • l’open space, ovvero l’accorpamento dei vani cucina, soggiorno e corridoio. Per realizzare questo lavoro è necessario denunciare all’Agenzia del Territorio la modifica della planimetria dell’abitazione;
  • il bagno secondario, questo lavoro comporta l’aumento di un terzo di vano della rendita catastale, a meno che non si tratti di un rifacimento del bagno esistente, già presente in catasto e senza modifiche alla posizione e alla dimensione delle porte e delle finestre;
  • la cabina armadio, anche per questo tipo di intervento va  presentata la variazione catastale perché si aggiunge uno spazio in più e separato rispetto alla casa;
  • la soffitta da recuperare, ovvero quando volete trasformare la soffitta in una mansarda accogliente. Questo lavoro comporta un ampliamento  dell’abitazione ed un aumento della rendita catastale perché la soffitta ha una rendita inferiore rispetto agli spazi destinati a civile abitazione, eccetto il sottotetto con altezza inferiore a 150 cm;
  • la chiusura della veranda, con il montaggio di infissi vetrati per renderla abitabile o un giardino al chiuso, determina un aumento della rendita catastale, con presentazione della variazione, perché si amplia il volume dell’abitazione. Se questo spazio è usato come un salotto o uno studio è da inserire nei vani principali, mentre se il suo uso è quello di una serra o di un giardino d’inverno è da censire come vano accessorio secondario, con rendita inferiore;
  • il recupero di una vecchia abitazione rurale, come la casa di un agricoltore; accertatevi che il fabbricato sia stato correttamente censito al Catasto Edilizio Urbano e deruralizzato in Comune, con pagamento dei relativi oneri. 

 

Se state pensando di effettuare in casa uno dei lavori sopra elencati, ma non siete sicuri di essere in regola con il catasto, contattateci per un confronto. Da oltre trent’anni nel settore dell’edilizia, accompagniamo i nostri clienti nelle pratiche da sbrigare e nella realizzazione dei vostri lavori, per rendere accogliente la vostra casa.

 

By | 2021-02-12T09:01:56+00:00 12 / 02 / 2021|Senza categoria|